10 novembre 2017

Sinestesiche empatie a Palazzo Magnani

Secondo Wassily Kandinsky il colore era il tasto, l’occhio il martelletto, l’anima il pianoforte dalle mille corde e l’artista era la mano che, toccando questo o quel tasto, faceva vibrare l’anima. John Cage invitava a studiare Duchamp per scrivere musica e Marianne Werefkin riteneva che il pensiero artistico fosse rivelazione della vita in termini di colore, forma e musica, e avesse valore solo se personale: “Il mondo dell’artista è nei suoi occhi, e questi a loro volta gli creano un’anima. Educare questi occhi per ottenere un’anima sensibile è il dovere principale di un artista”.

Eventi, Mostre
27 febbraio 2017

La potenza del bene nella natura del bello

“Compito del grafico non è vendere fumo bensì dare forma ad un contenuto che sia condiviso ed eticamente corretto”. È quanto ripeteva Albe Steiner alla figlia Anna, curatrice della mostra Licalbe Steiner. Alle origini della grafica italiana che, dopo Milano e Firenze, approda a Reggio Emilia nei suggestivi locali della Sinagoga in via dell’Aquila.

Eventi, Mostre
2 novembre 2016

Arte nuova a Palazzo

Ha una doppia anima la mostra che si terrà a Palazzo Magnani di Reggio Emilia dal 5 novembre al 14 febbraio 2017, a presiedere un’entrata e un’uscita come suggerisce il Giano bifronte sulla facciata dell’edificio.
Il fascinoso movimento artistico sorto in Europa e in America tra la fine del 1800 e l’inizio del 1900, noto in Italia come Liberty, trovò espressione sia nelle arti “nobili” sia in quelle applicate sino ad interessare la produzione artigianale e industriale. Un gusto nuovo, un’arte nuova, l’Art Nouveau

Eventi, Mostre
23 ottobre 2016

Note fluttuanti

Se non fossero state sottratte alla proprietaria contro la sua volontà, le Note del guanciale non avrebbero visto la luce. Parole inermi, sarebbero rimaste confidate ad un gregario di Morfeo e confinate sulla carta donata da un principe ad un’imperatrice. Prezioso scrigno di istanti e di stati, d’animo e di materia, isolati “nel fluire dell’esistenza umana” e custode dell’eleganza, della raffinatezza e del fascino non solo di un tempo, quello dell’apogeo dell’epoca Heian, ma di un’intera cultura

Eventi, Mostre, Recensioni
22 giugno 2016

Rester Vivant

Definita dallo stesso Michel Houellebecq in una recente intervista “un ritorno a qualcosa di meno polemico e più poetico”, Rester vivant è la mostra che il Palais de Tokyo di Parigi ospiterà da domani, 23 giugno, all’11 settembre prossimo.
Una monografica che esplora l’intera escursione artistica del controverso autore francese

Eventi, Mostre, Recensioni
3 giugno 2016

Hopper. Metafisico enigma

« […] C’era un libro su Hopper. Aprendolo vidi che c’era una dedica e voltai subito pagina, imbarazzato.
Lessi qualche rigo dell’introduzione.
“Immagini della città o della campagna quasi sempre deserte in cui si fondono il realismo della visione con un sentimento struggente del paesaggio, delle persone, degli oggetti. I quadri di Hopper

Eventi, Mostre
26 aprile 2016

La Strada della Fotografia

“Perciò una descrizione di paesaggio, essendo carica di temporalità, è sempre racconto: c’è un io in movimento che descrive un paesaggio in movimento, e ogni elemento del paesaggio è carico di una sua temporalità, della possibilità cioè di essere descritto in un altro momento presente o futuro…”

Eventi, Mostre
12 marzo 2016

Street art. Arte “da camera”?

Alla voce di Wu Ming, il collettivo di scrittori della sezione bolognese del Luther Blissett Project, lo street artist Blu ha affidato la comunicazione ufficiale (riportata integralmente in calce) del proprio dissenso e della propria defezione dalla mostra “Street Art – Banksy & Co. L’Arte allo stato urbano” che inaugurerà a Bologna a Palazzo Pepoli

Autori, Eventi, Mostre
  • 1
  • 2