18 dicembre 2017

Storie e Fughe_Dicembre

“La ‘raggia’. Che poi tradotto in italiano sarebbe la rabbia, parola giusta che però non ce la fa a rendere l’idea.
La ‘raggia’ è qualcosa di più profondo di una rabbia passeggera. È la ferita dell’anima che nessuna medicina riesce a guarire. Non ci sarà nessuna carezza, abbraccio, sguardo, grandissima

Avvisi ai Naviganti
16 dicembre 2017

Sogno o son desto?

Avvolti dalle braccia di Morfeo.
L’attività onirica è sempre presente?
Cosa accade nei sogni?
Cosa accade mentre si sogna?
La dimensione reale si (con)fonde con quella onirica?

Recensioni
5 dicembre 2017

Nella vita. Nell’amore. Nell’educazione.

«Coraggio e scioltezza, come si diceva una volta. Virtù preferita, come scrive Proust. La più grande urgenza sociale, secondo me.
Ho pensato che questo libro potesse essere utilizzato dal lettore come un ipotetico inventario di alcune declinazioni del coraggio. L’ho concepito come un’associazione di idee, un brainstorming, un esercizio utile, credo e spero, per stimolare adulti e non ancora adulti a ritrovare la forza della sfacciataggine e la capacità di resistenza che la vita chiede.

Eventi, Incontri con gli autori, Recensioni
4 dicembre 2017

Non più per voce_VI

Ancora sotto le coperte, ancor prima di aprire le finestre, sapevo che era venuta.
Lo sentivo nel silenzio, nei rumori.
Lo sentivo dentro.
Dico subito, senza tema di apparire blasfema, che per me la neve è una specie di miracolo, un elemento che avvicina la terra e il cielo.
Per me significa pace e serenità assolute.

Racconti
30 novembre 2017

Apprendendo… si impara?

“Lo stregone, il vecchio mastro,
finalmente se n’è uscito!
E i suoi spiriti fedeli
seguiranno i miei voleri.

I suoi gesti e le parole
li ho imparati, e pure i riti,
con le forze di magia
posso fare anch’io prodigi.”

Recensioni
17 novembre 2017

Sui generis_Novembre

“La prima cosa che Cora notò furono le catene. Penzolavano dal soffitto a migliaia, una macabra collezione di manette e ceppi, ferri da legare alle caviglie, ai polsi e ai colli in ogni varietà di combinazione. Catene per impedire a una persona di scappare, di muovere le mani, o per sospendere un corpo in aria prima di fustigarlo.

Avvisi ai Naviganti
16 novembre 2017

Angeli e Demoni

Leggere Erri De Luca significa entrare nella sua vita.
E attraverso il suo verbo preferito “mantenersi”(tenersi per mano) si viene afferrati dalla sua, vigorosa, ruvida, ma calda e accogliente, apparentemente distante forse per l’educazione ricevuta.
Una mano che fa il paio con quella di Alessandro Mendini, design e architetto, fautore di una “progettazione critica, cosciente e poetica”, qui ispirata dai disegni, raffiguranti mostri, di un bambino dislessico caro ad entrambe.

Recensioni